POESIE - BASILICATA
La notte re vierno
Nelle antiche case di montagna, senza riscaldamento, era un'avventura andarsi ad infilare tra le lenzuola ghiacce. L'avvertivi come un miracolo svegliari ancora vivo, al mattino.
Dialetto: Basilicata

La notte re vierno
La notte re vierno
era chièna r'aggucciàte re cani, ca
se 'mmescavano a la furia re lo viento,
te parìano allùcca re lupi
ca scinnìano ra lo monte.
Avivi paura
e t'accovàvi sott'a le coperte
e n'allongàvi li pieri
ppe te scanzà lo chiatro.

Te facìa cumpagnìa
'nn'avemmaria e t'addurmivi
stanco re la paura
e sulo li raggi re lu sole ca perciàvano ra le senghe re la fenestra
te rìano coraggio, t'attantavi
e ièri cuntento r'èsse vivo.


Traduzione in italiano

La notte d'inverno
La notte d'inverno
era piena di abbaiare di cani che
si mescolavano alla furia del vento,
ti sembravano ululati di lupi
che scendevano dal monte.
Avevi paura
ti nascondevi sotto le coperte
e ti rannicchiavi
per darti calore.

Ti faceva compagnia
un'avemmaria e t'addormentavi
stanco per la paura
e soltanto i raggi del sole
che filtravano dalla finestra
t'infondevano coraggio, ti toccavi
ed eri felice d'essere vivo.

Racconto inviato da: Giusepe De Vita