POESIE - BASILICATA
L'Ascenzione
Per tanti anni nelle società rurali del Cilento la festa dell'Ascensione aveva il colore bianco del latte. Era la festa in cui i massari ti regalavano un mestolo di latte.
Dialetto: Basilicata

L'Ascenzione
Ppe tant'anni
la iùta 'ncielo
re nostro Signore avìa
lo colore iànco re lo latte,
lo sapore re 'nno scurzìno re pane
sponzàto inta lo siero re la cagliata.

Ra la prima mungiùta a matutino
a l'urtima, a 'mmespero,
quanno 'ncielo
affaurìano le prime stelle
e lo sole s'era appena corcàto
arreto a lo Stella,
chi cco 'nno cuonzo
chi cco 'nno sicchitieddo
facìamo lo ggiro re li massari
ppe 'nna stizza re latte.

Ra la cuntentèzza
no le curavi li zanchi
addòve affonnavi li pièri
fin'a le ddenòcchia, nun t'accurgìvi
re 'nna rovèta o 'nno speràzzo
ca re sciaveràva le gammi.

Vincìa lo ulìo re 'nno pilùso càvoro
e re 'nna foscèdda re recotta,
era l'Ascenzione, la festa re lo latte,
era la festa re li massari
ca te realàvano 'nna zuppa.


Traduzione in italiano

L'Ascensione
Per tanti anni
l'ascensione al cielo
di nostro Signore aveva
il colore bianco del latte,
il sapore di una crosta di pane
spugnata al siero della cagliata.

Dalla prima mungitura a mattutino
all'ultima al vespro,
quando in cielo
spuntavano le prime stelle
ed il sole era appena calato
dietro lo Stella,
chi con un barattolo
chi con un secchiello
facevamo la questua dai massari
per un poco di latte.

Dalla gioia
non t'importava dei fanghi
dove affondavi i piedi
fino alle ginocchia, non t'accorgevi
di un rovo o uno sterpo
che ti segnava le gambe.

Vinceva la voglia del formaggio caldo
o di un cestino di ricotta,
era l'Ascensione, la festa del latte,
era la festa dei massari
che ti regalavano una zuppa di latte.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita