POESIE - BASILICATA
'Ndunièlla
L'esuberanza della gioventù e l'attrazione che portano, inevitabilmente, all'estraniarsi dalla realtà.
Dialetto: Basilicata

'Ndunièlla
Tinìa 'nna vocca com'a 'nna ceràsa
roie menne ianche chiene e vellutate
capiddi fini a lu viento sparpagliati
e non se nn'abbottava mai re vasa.

'Ndunièlla, 'Ndunièlla, nu scappare
sto criatùro 'mbrazz'a tti vole murire.

Stesa te viriètti orla mari
li cavaddùni inta mme mittisti
riciètti a lo core nun m'assiste
'nsiem'a la nenna mia famm'affocàri.

'Ndunièlla, 'Nduniella, nu scappare
sto criatùro 'mbrazz'a tti vole murire.

Scornosa, chiena r'arena e r'ammuina
inta lo mari frisco re corsa te jettàsti
cco ss'uocchi ruci re zòria m'attirasti
e 'mbrazz'a tti stu ninno fu 'nna ruìna.

'Nduniella, 'Nduniella, nu scappare
sto criatùro 'mbrazz'a tti vole murire.


Traduzione in italiano

Antonietta
Aveva le labbra come una ciliegia
due seni bianchi pieni vellutati
capelli fini al vento scompigliati
e non si saziava mai dei baci.

Antonietta, Antonietta non scappare
questo bimbo in braccia a te vive.

Disteva t'ammiravo sulla spiaggia
delle onde in petto mi mettesti
dissi al mio cuore non assistermi
con lei soltanto fammi affogare.

Antonietta, Antonietta non scappare
questo bimbo in braccia a te vive.

Timida, piena di sabbia e di gioia
nel mare fresco di corsa ti tuffasti
col tuo sguardo di bimba m'attirasti
e tra le tue braccia fu una rovina.

Antonietta, Antonietta non scappare
questo bimbo in braccia a te vive.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita