POESIE - BASILICATA
Le fère re 'nna vota
Le fiere erano dei mercati speciali dove vigeva il baratto nelle società rurali ormai archiviate per sempre e che la crisi economica potrà riportare alla ribalta.
Dialetto: Basilicata

Le fère re 'nna vota
Le fère re 'nna vota
a lu Ciliento
erano mercati scangianìsi:
nge portavi 'nno puorco
e te nne tornavi cco 'nna crapa,
'nno purciéddo e 'no paro re scarpe;
nge portavi 'nna jomeènta
e te nne vinivi cco 'nno ciuccio
o 'nno purdìto e ddui àini.

Quasi tutti li cuntadini, li massari,
a le fére nge ìano
cco cheddo ca tinìano re cchiù
e se nne tornavano cco 'nna pruvvista
ca a la casa no ng'era.

Lo contratto era 'nna strenta re mano
tra chi vinnìa e chi accattava
sbattuta tre bbote ann'aria ra lo sensale, ch'era spisso 'nno zingaro.

Quasi ogni femmena re 'ncasa
se nne tornava ra la féra
cco 'nno purcidduzzo 'mbrazza
ca int'a n'anno addeventava
'nna montagna re lardo
e dde ogni bene re dDio.

Se mangiava inta 'nna barracca
re tacchi re castagna
'ncopp'a tavuluni
la carne re la féra,
ch'era 'nna vecchia crapa
ca stìa a bodde ra la matina
inta 'nno cavoraròne
chiino r'adduri e dde papàuli.

Nge nn'erano re fére a lu Ciliento,
le cchiù famose, chedde addòve
nò putivi mancà, erano:
chedda re la Croca a Stio,
chedda re la Frecagnola a Connalonga
e chedda re l'Angilo a l'Alburni.

Erano le fére
ppe rinnovà l'animali,
ppe preparà 'nna ròta, o ppe
le riqueste re n'anno re vita cuntadina.


Traduzione in italiano

Le fiere di un tempo
Le fiere di un tempo
nel Cilento
erano i mercati del baratto:
vi portavi un maiale
e tornavi con una capra,
un porcello ed un paio di scarpe;
vi portavi una giumenta
ed avevi un somarello
o un puledro e due agnelli.

Quasi tutti i contadini, i massari,
alle fiere ci andavano
con quanto loro avanzava e portavano
a casa con una provvista
che a loro mancava.

Il contratto era una stretta di mano
tra chi vendeva e chi comprava
elevata tre volte in aria dal sensale
che quasi sempre era uno zingaro.

Ogni donna di casa
tornava dalla fiera portandosi
in braccia un porcello
che in un anno diventava
una montagna di lardo
e di ogni ben di Dio.

Si desinava in una baracca
precaria con rami di castagno
su dei tavoloni
la carne di fiera,
ch'era una vecchia capra
messa a bollire dalla mattina
in un calderone pieno
di odori e peperoncino.

Ce n'erano di fiere nel Cilento,
le più famose, quelle a cui
non potevi mancare, erano:
quella della Croce a Stio,
quella de La Frecagnola a Cannalonga
e quella dell'Angelo sugli Alburni.

Erano le fiere
per rinnovare gli animali,
per approntare una dote, o per le
provviste per un anno di vita
contadina.





Racconto inviato da: Giuseppe De Vita