POESIE - BASILICATA
Aria re Natale
Quando il Natale nelle comunità rurali aveva un sapore antico, fatto di calore umano intorno al camino. I sapori degli struffoli col miele di castagno improfumavano la casa. Auguri a tutti di Dialettando.
Dialetto: Basilicata

Aria re Natale
Addòra re neve l'aria ppe le bbica.
Scoppetèia 'nno tric-trac orla lo muro.
'Nfreddulùto lo ruvièzzo
pizzolèia la rosa canina.
La ciòppara cchiù grossa
vampèia a la focagna.
La pasta cresciuta
sbotta ra la scafarèia
a la sartània frìe 'uoglio r'auliva.

L'addore re le zèppole, re li ruospi,
re li scavoratièlli,
l'addore re li struffuli
cco lo mèle re castagno
re la cannella fina
e scorze re limuni
se spanne ppe la casa
e s'affilano li fritti
'ncoppa 'nna graddicèdda.

E' Natale. Lo fòcaro alluma
lo paese re luci càvora e faièdde.
Le campane a festa
chiamano la gente ra le casi:
a lo Gloria stai ppe nasce
n'àta vòta lo Bamminièddo.
Stasera sìmo tutti cchiù buoni
mirànno ddo ninno nìccio
'mbrazz'a Maria e pare ca nne rice:
spogliate e fatte zico zico puri tu
ppe fa paci cco lo munno.



Traduzione in italiano

Aria di Natale
Odora di neve l'aria per i vicoli.
Scoppietta un tric-trac lungo il muro.
Infreddolito il pettirosso
becchetta la rosa canina.
Il ceppo più grande
fiammeggia al camino.
La pasta cresciuta
si versa dalla scodella
alla padella sfrigge l'olio d'oliva.

L'odore delle zeppole, dei rospi,
degli scaldatelli,
il profumo degli struffoli
col miele di castagno
della cannella fine
e di bucce di limone
si spande per la casa
e si affilano i fritti
sopra un graticcio.

E' Natale. Il falò illumina
il paese di luce calda e faville.
Le campane a festa
chiamano la gente dalle case:
al Gloria sta per nascere
ancora una volta Gesù Bambino.
Stasera siamo tutti più buoni
mirando quel pargolo nudo
in braccio a Maria e pare che dica:
spogliati e fatti piccolo anche tu
per fare pace col mondo.


Racconto inviato da: Giuseppe De Vita