POESIE - BASILICATA
dDo curtietto
Tra gli oggetti appartenuti a mio padre contadino c'è un coltello posato sulla mia scrivania. Quanti ricordi! (da GENTE LUCANA)
Dialetto: Basilicata

dDo curtietto
Tene sessant'anni ddo curtieddo
cco lo manico giallo re cuorno
e ca patrimo ammolava a la fontana.

'Mpere a 'nna chianta re fico
l'aprìa ppe fa colazione a la Tempa
e 'ncoppa 'nna fedda re pane
tagliava 'nna feddozza re longa
a ogni muzzico re pane.
Allongava 'nna mano
cuglìa 'nna fico re iùri
la colazione fernìa e tornava a zappà,
'nna vota gnottecàto ddo curtieddo,
lo stipava cco cura inta la sacca.

Continuav'a zappà fin'a la sera.

E' muorto ra tanto tiempo, patrimo.
E, sulo toccannolo o uarddànnolo,
ddo curtieddo, mme lo face sente
ancora vivo, 'mbacci a mmi,
a la Tempa. Ah, le ccose care!


Traduzione in italiano

Quel coltello
Ha sessant'anni quel coltello
con il manico giallo di corno
e che mio padre affilava alla fontana.

Ai piedi di una pianta di fico
l'apriva per far colazione alla Tempa
e su una fetta di pane
tagliava una fettina di pancetta
ad ogni morso di pane.
Allungava una mano
coglieva un fior di fico
la colazione finiva e tornava a zappare
una volta piegato quel coltello
lo riponeva con cura in tasca.

Continuava a zappare fino a sera.

E' morto da tanto tempo, mio padre.
E, soltanto toccandolo guardandolo,
quel coltello, me lo fa sentire
ancora vivo, a me vicino,
alla Tempa. Ah, le cose care!






Racconto inviato da: Giuseppe De Vita