POESIE - BASILICATA
So' sulo riecimila.
(29 ottobre 2007, Roccella Jonica). Sono spiaggiati alcuni cadaveri di immigrati. Il conto dei morti accertati del flusso della disperazione è di diecimila!
Dialetto: Basilicata

So' sulo riecimila.
So' sulo riecimila
'nsino a mò
ca se l'è mangiati lo mari,
ddi poverieddi.
Scappano ra la miseria,
ra la fame,
ra la uèrra.
Se 'mbarcano ricenno:
meglio a murì
c'a vive accussì!

Inta 'nna notte ra lupi
'ncoppa 'nna carretta re mri
s'arracioppàro tant'uommini,
zorie, mamme e criaturi.

Inta lo scuro
cco lo viento c'alluccava
cchiù re loro
se le mangiào lo mari
e le bommecào 'ncoppa la marina
com'a pezze vecchie,
com'a leonèdda.

Cco loro se necàro puri li suonni,
ppe sempe.
Nge sarà 'nno dDio, no 'mporta quale,
e si no ng'è lo paraviso
ammèntalo mò ppe ddi poverieddi.
Lo 'mbierno già lo lassàro ccà,
'ncoppa le rena, 'mbossa,
a Roccella Jonica.



Traduzione in italiano

Sono soltanto diecimila.
Sono soltanto diecimila
finora
che se li inghiottiti il mare,
quei poveretti.
Fuggono dalla miseria,
dalla fame,
dalla guerra.
s'imbarcano dicendosi:
meglio a morire
che a vivere così!

In una notte da lupi
su una carretta del mare
s'aggrapparono tanti uomini,
ragazze, mamme e bambini.

Nel buio
col vento che gridava
più di loro
se li inghiottì il mare
e li rovescià sulla marina
come stracci vecchi,
come legnetti.

Con loro annegarono anche i sogni,
per sempre.
Ci sarà un Dio, poco importa quale,
e se non c'è il paradiso
inventalo ora per quei poveretti.
L'inferno già lo lasciarono qui,
sullarena bagnata,
a Roccella Jonica.





Racconto inviato da: Giuseppe De Vita