POESIE - BASILICATA
Canto re 'nno figlio r'emigrante.
Un figlio d'emigrante sente parlare della terra da cui partì suo nonno e suo padre. Dopo anni va a conoscerla. Dopo pochi mesi può morire contento per averla conosciuta.
Dialetto: Basilicata

Canto re 'nno figlio r'emigrante.
Nonnimo mme parlava re 'nna terra
bella com'a lo sole e poveredda
raddonne la miseria lo spentào
a la Merica ppe tirà a campare.

Pàtrimo sulo fatìa canoscette
campào e morette senza la verè,
te prèo vance e portare 'nno vaso
ìmpunto re morte chiano mme ricètte.

Inta dda carta ca mme consegnào
lo patre suo ra Cuccaro vinìa
e quann'a cinquant'anni nge arrivai
parìa ca fosse proprio nato ddà.

L'aria, lo sole, lo mari, li paisi,
l'adduri, li sapuri e li culuri,
tutto parìa tenesse scritto inta e
mme 'mbreiacài cco gente com'a mmi.

Mo ca lo saccio lo Ciliento mio,
ca chiurenno l'uocchi affaurisco,
pozzo puri murire crammatino
senza cchiù malerire lu destino.


Traduzione in italiano

Canto di un figlio d'emigrante.
Mio nonno mi parlava di una perra
bella quanto il sole e povera
da dove la miseria lo spinse
all'America per tirare a campare.

Mio padre soltanto fatica conobbe
visse e morì senza conoscerla,
ti prego vacci e portale un mio bacio
in punto di morte piano mi disse.

Su quella carta che mi consegnò
suo padre da Ciccaro veniva
e quando a cinquant'anni ci arrivai
sembrava che fossi proprio nato là.

L'aria, il sole, il mare, i paesi,
gli odori, i sapori e i colori,
tutto sembrava avessi scritto dentro
e mi ubriacai con gente come a me.

Ora che lo conosco il mio Cilento
che succhiudendo gli occhi intravedo,
posso anche morire domattina
senza più maledire il mio destino.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita