POESIE - BASILICATA
La molla
La pinza per prendere i tizzoni ardenti funziona bene se non perde l'elasticità, se le stremità restano libere. I desideri sono le pinze dell'anima di ognuno.
Dialetto: Basilicata

La molla
M'accattai 'nna moll'attizzafuoco:
leggera, elastica, no sgarrava mai,
'nno capolavoro!
La mittietti 'mbacci la focagna
a la casa ppe li miei.

Ogni bbòta
ca tornava a dda casa
la molla la trovavo stipata
cco le pont'attaccate.
Io, le staccava,
re ria la libbertà e tornavo
a 'ngiarmà, felice, cco la vrasa.

Ma sapìa ca, partenno,
màmmema mme l'attaccava, arreto.

Lo sapìa e si
la penzav'a dda molla mia
quanno stia fore ppe misi
mme sintìa 'nno poco attaccato
pur'io, com'a dda molla!

Non ce la faciètti
a fa capì a màmmema
ca dda molla avìa sta libbera!
Mai tornanno a la casa
trovai dda molla libbera!

Tengo sessant'anni e
ppe almeno vinti, facemmo
ddo tiremolla cco dda molla:
màmmema l'attaccava e
i' la libberavo, ppe qualche ora.

Quanta ggente ha fatt'accussì,
com'a màmmema,
cco tutte le molle re l'anima mia!


Traduzione in italiano

La pinza
Mi comprai una pinza per il fuoco:
leggera,elastica, non falliva mai,
un capolavoro!
La depositai vicino al camino
nella casa per i miei.

Ogni volta
che tornavo a casa
trovavo la pinza nascosta
con le punte legate.
Io le staccavo
tornavo a farla libera
e tornavo a giocare col fuoco.

Già sapevo che, partendo,
mia madre la legava di nuovo.

Lo sapevo e se
pensavo a quella pinza mia
quando stavo fuori per mesi
mi sentivo un poco legato
anch'io, come quella molla.

Non fu possibile
far capire a mia madre
che quella molla doveva stare libera!
Mai tornando a casa
trovai quella molla libera!

Ho compiuto sessant'anni e
almeno per venti, facemmo
quel tiraemolla con quella pinza:
mia madre la legava,
io la liberavo per qualche ora.

Quanta gente ha fatto altrettanto,
come mia madre,
con tutte le molle dell'anima mia!

Racconto inviato da: giuseppe de vita