POESIE - BASILICATA
Paesaggi cilentani
Possono i paesaggi dell'infanzia imprimersi prepotentemente nella memoria di un uomo? Possono.
Dialetto: Basilicata

Paesaggi cilentani
Chiano chiano
mme so' trasùti inta le chiocche
li paesaggi tuoi Ciliento mia!

Ppe mme le strati toie,
com'a sierpi
ca s'aggravogliano
saglienno e scennenno,
no' so' mai stati 'nno turmiento.

Ogni bbota, m'addecrèia!
E' 'nno miraggio nuovo
ca mme se sbalanca
arret'a 'nna curva.

Mo' 'nno monte,
mo' 'nna marina,
mo' 'nna vigna abbandonata
addòve se paparèia
'nna casa vecchia
ca pare mèsa ddà
ra 'nno pittore.

E, lo core mio, vai lièggio
e no fernesce mai re ve légge,
repassannove.
Quanta v'àno perso,
pecché lontano le portàro
le fatìe re la vita.

I' no ve lasso,
appena pozzo, torno
a mm'abbeverà re vui!


Traduzione in italiano

Paesaggi cilentani
Lentamente
mi si son stampati dentro
i tuoi paesaggi, Cilento mia!

Per me le tue strade,
come serpi
che s'attorcigliano
in salita o in discesa,
non sono mai state un tormento.

Ogni volta, mi rende falice!
E' un miraggio nuovo
che mi si apre
superando una curva.

Ora un monte,
ora una marina,
ora una vigna abbandonata
dove si pavoneggia
una vecchia casa
che sembra messa lì
da un pittore.

E, il mio cuore, procede leggero
e non smette di leggervi,
ripassandovi.
Quanti vi hanno perduto,
perché lontano li portarono
le fatiche della vita.

Io non vi lascio,
appena posso, torno
a saziarmi di voi!

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita