POESIE - LAZIO
Canzone alla diversa

Dialetto: Lazio

Canzone alla diversa
Jè sàccio nà canzone alla diversa
e alla diversa la òglio cantà.
So sàota ngòppa a chélla cèrqua:
So ìta a scotélà e carìano péra!
Aggio 'ncontrato glio patrone de chelle nnèspole:
"addo l'hai fàtte ssé bbèlle cérase?"
M'abbiàta nà prèta agli uosso pàzzo:
m'ha fatta scì la sàngua pé glio nàso!
'Utte le cose mèi contrarie vànno:
l'acqua m'assuca e glio sole me nfogni!
Iètto la paglia ammàro e me s'affonna!
Cì iètto lo ciùmmo e roman'aggàlla.
Gli auti fanno gli amore tutto gliàgno,
nà ote che glio faccio jè se fìna glio mugno.



Traduzione in italiano

Canzone al contrario
Io so una canzone al contrario, e al contrario voglio cantarla.
Sono salita sopra quella quercia:
sono andata a scuoterla e cadevano pere!
Ho incontrato il padrone di quelle nespole: "dove le hai colte queste belle ciliege?"
Mi ha lanciato una pietra al malleolo e mi ha fatto uscire il sangue dal naso!
Tutte le cose mie vanno al contrario: l'acqua mi asciuga e il sole mi bagna.
Butto la paglia a mare e affonda, ci butto il piombo e rimane a galla
Gli altri fanno l'amore per tutto l'anno, una volta che lo faccio io è il finimondo!!
(Santi Cosma e Damiano, Latina. E' un canto popolare)

Racconto inviato da: Carlo Iossa