POESIE - CAMPANIA
Cos’’e pazze!
Come il sole saluta la vita, così io saluto Te, Signore, che tutti i giorni mi riscaldi il cuore.
Dialetto: Campania

Cos’’e pazze!
Ddoje nuvole janche e, arreto,
smircia zinneianno
nu bagliore quase malato
titubbante.
Po, chianu chiano, comm’ê fare
’ncopp’â scena, tutto schiara.

Prima è rosa pàlleto
po, nun te n’adduone subbeto,
se fa cchiù carreco
e finalmente è ffuoco ‘e passione.
Na felìnia 'e luce s’appenne ‘ncielo
e n’atu juorno nasce pe mme.

Cos’’e pazze!
Comm’â cristallo lucecheja ‘o sole
comm’â n’orchesta canteno
ll’aucielle ‘ncielo
e ‘o batteto d‘‘o mare se sente
‘ncopp’â rena.
Pirciò… tant’’e cappielle a Te, Signore,
ca ogni gghiuorne me scarfe ‘o core.



Traduzione in italiano

Incredibile!
Straordinario!
Due nuvole bianche,
dietro,
un bagliore tremante sbircia
occhieggiando
poi piano piano, come le luci
sul palcoscenico, albeggia.
Prima è rosa pallido
poi - non te ne accorgi subito-
diventa color fucsia
e finalmente fuoco di passione.
Una ragnatela di luce si appende in cielo
e un altro giorno nasce per me.
Incredibile!
Come cristallo brilla il sole
come un’orchestra cantano gli uccelli in cielo
e il soffio del mare respira
sulla rena.
Perciò…salute a Te, Signore,
che tutti i giorni mi riscaldi il cuore.



Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio