POESIE - CAMPANIA
Parole in libertà
Giocare con le parole è senza dubbio un esercizio valido per un buon oratore; ma servirsi di parole che arrivano al cuore e che del cuore si nutrono è come suonare nell'orchestra dell'amore, pronta a diffondere la sua musica in ogni direzione.
Dialetto: Campania

Parole in libertà
E me trovo,
nun saccio né come né pecchè
a pazzià cû pparole.
Parole senza gramatica, scumbinate,
ca porteno trubbéie o sulamente
scuntiente;
parole ca schiantano ’a mal’erva,
chella specie ‘e grammegna
ca s’ammocca mienzo ‘o ggrano
e ll’affoca levannole ‘o respiro;
parole ca ‘ngrifano i suonne
parole arruzzute, vecchie, stantìve
parole ca rucilejano veloce
com’ê buatte mienz’’a via
c’ammuinano ‘o munno e niente cchiù;
parole struìte
ca fanno chiarezza int’ô cereviello.
Ma che vulite ‘a me,
chelle ca cchiù m’aggarbeno
chelle ca cchiù m’affateno
so ‘e pparole chiare, semprice, naturale
ca sanno cantà ‘e cuietùtene e libbertà
‘ntennerisceno ‘o core
e, abballànno ‘ncopp’ê nnuvole rosa,
troveno i ccorde cchiù bbelle,
cchiù appassiunante
ca ‘o pianeforte ‘e ll’ammore
spanne a tutt’ê derezióne.


Traduzione in italiano

Parole in libertà
E mi trovo,
non so né come né perché
a giocare con le parole.
Parole sgrammaticate, sballate,
che portano tempeste o solamente
scontento;
parole che estirpano la zizzania
-quella specie di gramigna
che s’insinua in mezzo al grano
e gli toglie il respiro;
parole che arruffano i sogni
parole arrugginite, vecchie, stantie
parole che rotolano veloci
come i barattoli lungo la strada
che fanno solo chiasso e nulla più;
parole dotte
che rischiarano la mente.
Ma che volete da me,
quelle che più mi piacciono
quelle che più m’incantano
son le parole chiare, semplici, naturali
che sanno cantare di pace e libertà,
inteneriscono il cuore
e, ballando tra le nuvole,
toccano le corde più belle,
più appassionanti
che il pianoforte dell’amore riesce a diffondere
in tutte le direzioni.




Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio