POESIE - LAZIO
ROMA ANNINNATA
Dialetto romanesco
Dialetto: Lazio

ROMA ANNINNATA
Roma se spoja, smorza ‘gni rumore
e spanne attorno un soffio de bambace.
Fra Sonno quatto, quatto inzuffa pace
e mette er puntaccapo in ogni còre.

Sortanto un gatto, sgnavola in amore
pé corteggià ‘na, micia che je piace,
mentre sul letto un ricciolo vivace
a mano gionte parla cor Signore.

Roma s’anninna e sbocceno li sogni,
crature strane, fatte de maggia,
seconno le coscenze e li bisogni.

Ma poi ‘no scampanà pé tutt’attorno
sloggia st’incanto e cambia sinfonia:
er sole fa er cocchiere a un nòvo giorno.


Traduzione in italiano

ROMA ADDORMENTATA
Roma si spoglia, spegne ogni rumore
e spande attorno un soffio de bambagia.
Frate Sonno quatto, quatto inzulfa pace
e mette il punto a capo in ogni cuore.

Soltanto un gatto, miagola in amore
per corteggiare una, micia che gli piace,
mentre sul letto un ricciolo vivace
a mano giunte parla con il Signore.

Roma siaddormenta e sbocciano i sogni,
creature strane, fatte di maggia,
secodno le coscienze ed i bisogni.

Ma poi uno scampanare tutto intorno
sfratta quest’incanto e cambia sinfonia:
il sole fà il cocchiere a un nuovo giorno.

Racconto inviato da: Giuseppe Caporuscio