POESIE - LAZIO
Gnente

Dialetto: Lazio

Gnente
Io nun so gnente, nun so nisuno
aricconto e storie pe quello che vedo
e poi scrivo no pe scordamme
ma pe fallo presente
alla gente che core e scappa
e nun te risponne
quanno je parli de n’antro monno
quello che nun se vede, quello che nun se sente.
Nun te deve capita’ pe pensacce
e’ quanno sei felice che te devi move
nun e’ na regola e nessuno te dice come
stacce drento sarebbe troppo semplice.
Omo che pensi solo al luccichio tuo
che te cechi allo specchio solo a guardatte
a faccia te lustri pure de notte
te guardi e te vedi vestito d’oro
sur trono che nun te portarai dietro
quanno o spavento sara’ supremo.
E allora mettete a mano in saccoccia
tira fori er core co un po’ de sordi
e dalli a chi nun c’ha gnente
a chi nun vede, a chi nun parla
a chi la matina se sveja e non ce sente,
ma er core loro o capisce
e prenne per mano er core tuo
e je sussurra dorcemente
“Me fai senti’ come sei te
famo a strada ‘nsieme
sta vita e’ na camminata breve
sta vita e’ na camminata solamente”.



Traduzione in italiano

Niente
Io non sono niente, non sono nessuno
racconto le storie per quello che vedo
e poi scrivo per non scordarmi
ma per farlo presente
alla gente che corre e scappa
e non ti risponde
quando parli di un altro mondo
quello che non si vede, quello che non si sente.
Non ti deve capitare per pensarci
è quando sei felice che ti devi muovere
non è una regola e nesuuno ti dice come
starci dentro sarebbe troppo semplice.
Uomo che pensi alla tua luce
rimani cieco allo specchio nel guardarti
la faccia ti curi anche di notte
ti guardi e ti vedi vestito d'oro
sul trono che non ti porterai dietro
quando lo spavento sarà supremo.
E allora mettiti la mano in tasca
tira fuori il cuore con un po' di soldi
a donali a chi non ha niente
a chi non vede, a chi non parla,
a chi la mattina si sveglia e non sente
ma il loro cuore lo capisce
e prende per mano il tuo cuore
e gli sussurra dolcemente
" Mi fai sentire come sei tu
facciamo la strada insieme
questa vita è una camminata breve
questa vita è una camminata solamente".

Racconto inviato da: Enzo Cagnetti