POESIE - CAMPANIA
Angòra sonno
Anche se passano gli anni il cuore rimane fin troppo giovane, ma bisogna tenerlo a bada.
Dialetto: Campania

Angòra sonno
Vintiquatt’anni, ajeri te ‘ncontrai,
ìo cinquant’otto, no mme scordo mai:
tu mme guardasti come no uaglione,
ìo te virietti come na uagliona,
cco na resedda freshca mme ncantasti,
parìa tutto tanto naturale,
ca quasi, ‘nce penzai ppe no momento,
te mmitava ppe quarche appuntamento.
Po ‘mme venette mmente a la ‘ntrasatta
Ch’era na cosa ca no gghìa fatta:
mme putiv’ esse figlia e nepotedda,
cch’e mme passava ppe le ccelovredda!
Mm’accorgietti ca l’anni so ppassati,
puro ca ppe sto core so scordati:
accussì senza rece niente chiano chiano
te salutai strengennote la mano.



Traduzione in italiano

Ancora sogno
Ventiquattr'anni, t'ho incontrata ieri,
io cinquant'otto non lo scordo mai,
tu m'hai guardato come un ragazzo,
io t'ho guardata come una ragazza,
con una risatina fresca m'hai ncantato,
sembrava tutto tanto naturale,
che quasi, ci ho pensato un momento,
t'invitavo per qualche appuntamento
Poi mi èvenuto in mente all'improvviso
che era una cosa da non fare:
potevi essere per me figlia e nipote,
che mi passava mai per il cervello,
mi accorsi che gli anni sono passati
anche se il cuore li ha dimenticati.
così senza dir niente piano piano
ti ho salutata stringendoti la mano.



Racconto inviato da: Angelo Puglia